I Musicali Affetti

Il gruppo nasce nel 1997 dall’idea di Fabio Missaggia di riunire musicisti italiani e stranieri che si dedicano allo studio e all’esecuzione di musica antica con strumenti originali. Lo studio delle fonti antiche e la ricerca costante della qualità del suono vogliono essere le basi per affrontare la musica antica con la più grande libertà di espressione. Numerosi i concerti nell’ambito di importanti festival di Musica Antica in Italia e all’estero: Venezia, Verona, Roma, Bologna, Modena, Genova, Pisa, Viterbo, Padova, Strasburgo, Zagabria, Avignone, Nizza, Utrecht, Hyeres, Krk. I Musicali Affetti si esibiscono regolarmente nella straordinaria cornice del Teatro Olimpico di Vicenza dove hanno realizzato grandi produzioni come i Brandeburghesi di Bach, “Il Trionfo del Tempo e del Disinganno” e “Alceste” di Händel (in prima esecuzione italiana), e il ciclo delle grandi cantate italiane di Händel “Apollo e Dafne”, “Clori, Tirsi e Fileno” e “Aci, Galatea e Polifemo“ sempre sotto la direzione di Fabio Missaggia.

Numerose le registrazioni discografiche e per emittenti radiofoniche. Tra queste “Apollo e Dafne” di Händel, “Pigmalion” di Rameau per la RAI, la prima esecuzione in tempi moderni della cantata “La Gloria, Roma e Valore” di G.L. Lulier per ORF 1 (radio nazionale austriaca), uscita anche nella versione discografica.

Nel 2015 è stato pubblicato per la TACTUS il primo dvd del gruppo dal titolo “Biagio Marini & Antonio Vivaldi a Vicenza” realizzato all’interno delle Gallerie di Palazzo Leoni Montanari, e per la BRILLIANT Classics il CD “Alle figlie del Coro” con musiche inedite di N.A. Porpora.

Il Festival “Spazio & Musica”, nato per rivalutare lo straordinario patrimonio artistico di Vicenza, li vede protagonisti dal 1997 a fianco di direttori e solisti come M. Huggett, S. Kuijken, A. Bernardini, R. Alessandrini ed altri ancora.
Il desiderio di apertura verso tutte le forme musicali li ha visti collaborare anche con musicisti jazz e compositori dei nostri giorni.

Dal 2016 I Musicali Affetti collaborano con il GREAM (Groupe de Recherches Expérimentales sur l’Acte Musical – Université de Strasbourg) per la realizzazione di prime registrazioni discografiche di autori italiani del Seicento. 

L’ultimo CD per la TACTUS con la prima registrazione assoluta dell’opera II di Biagio Marini ha ricevuto entusiastici consensi dalla critica internazionale specializzata.

www.imusicaliaffetti.com


Fabio Missaggia

Allievo di G. Guglielmo si diploma al Conservatorio di Vicenza nel 1983 perfezionandosi successivamente con C. Romano e P. Borciani. La passione per la musica antica gli fa intraprendere un approfondito studio di ricerca sulle fonti e sugli strumenti originali.  Nel 1991 si diploma in violino barocco con Enrico Gatti presso la Scuola Civica di Milano. Prosegue poi i suoi studi musicologici presso l’Università di Cremona e segue, al Conservatorio dell’Aja, stages con S. Kuijken, M. Huggett e L. Van Deal. Dal 1990 collabora nell’attività concertistica e discografica con importanti gruppi internazionali di Musica Antica tenendo concerti nei più prestigiosi Festival europei (Parigi, Vienna, Poitiers, Torino, Venezia, Lourdes, Utrecht, Nizza, Avignone, Madrid, Mosca, Praga ecc.). In qualità di primo violino e solista suona per importanti istituzioni musicali in Italia, Francia, Belgio, Olanda e Germania, incidendo tra l’altro per la RAI, ORF, la Radio Olandese, Telefrance, Amadeus, Tactus, Brilliant, Stradivarius ecc.  Ha diretto, curando la revisione dei manoscritti, prime esecuzioni come le sinfonie e i concerti di G. D. Perotti, “Alceste” di Händel, mottetti di Stradella, la cantata “La Gloria, Roma e Valore” di G.L. Lulier, l’oratorio di B. Aliotti “La morte di S. Antonio di Padova” e l’op. II di Biagio Marini.

Ha inoltre collaborato con l’Università di Houston (Texas) al progetto didattico “Classics for the Classroom” registrando, come direttore e solista, due CD con musiche di Corelli, Vivaldi, Händel e Mozart.

E’ primo violino e direttore principale de “I Musicali Affetti”, gruppo con il quale suona per le più importanti istituzioni concertistiche e incide per diverse case discografiche.  

In qualità di direttore artistico dirige dal 1997 il Festival “Spazio & Musica”, da lui ideato con lo scopo di valorizzare i tesori artistici architettonici di Vicenza grazie alla musica su strumenti originali.

Insegna violino al Conservatorio di Vicenza, presso il quale tiene anche i Corsi Accademici di primo e secondo livello di violino barocco e vari seminari di musica da camera. Ha tenuto corsi di violino e prassi esecutiva al Conservatorio di Eisenstadt e alla Facoltà di Musicologia dell’Università di Strasburgo, struttura con la quale collabora come direttore per la realizzazione di importanti progetti discografici con prime esecuzioni assolute di autori italiani del Seicento. Il CD pubblicato nel 2017 in prima mondiale con l’opera II di Biagio Marini ha riscosso entusiastiche recensioni nelle principali riviste internazionali.

X